Il pasticcere Costa, titolare con Antonietta Sereno delle Cose Buone

 

La pasticceria Cose Buone di Gazzada Schianno nasce da una constatazione del titolare e pasticcere Luciano Costa: “Mi sono trasferito a Gazzada da tempo e abito qui vicino. La domenica passavo e notavo il vuoto in questo tratto della provinciale, la via Gallarate. In quest’angolo non c’era anima viva. Così ho pensato che questo fosse il posto giusto per aprire una pasticceria dove le persone del luogo, ma anche quelle di passaggio, si potessero fermare per fare colazione, mangiare a pranzo, o bere un drink la sera, e cosi scambiare quattro chiacchiere sia durante la settimana che nel week end.”

 

La compagna e socia, Antonietta Sereno, aggiunge: “E’ proprio cosi. Anche io sentivo molto la mancanza di un luogo di ritrovo a Gazzada, un posto dove la gente di qualsiasi età potesse a chiacchierare, discutere o leggere una pagina di giornale.”  Ed è anche per questo motivo che hanno deciso di stare aperti dalle sei fino alle 21, senza sosta, tutti i giorni.

La pasticceria è un pullulare di clienti e di personale che corre tra i tavoli dentro e fuori il locale, nel giardinetto che di questo periodo è davvero gradevole. “Lavoriamo tanto”, sottolinea il Costa, ” e io personalmente lavoro una media di 18 ore al giorno. Certo, la concorrenza è tanta, ma vedo che lo sforzo premia, come la qualità della pasticceria e dei pasti a mezzogiorno.“A pranzo, infatti, Antonietta propone piatti colorati e corposi della tradizione campana, ma non solo.
Ce n’è per tutti i gusti, e per tutti i tempi disponibili, perché per chi è di corsa, Cose Buone prepara anche piadine take away.

“Speriamo che continui cosi”, conclude il Costa. “Noi ce la mettiamo tutta. ”

Le Cose Buone è una partnership, e il nome nasce da questa unione, fatta delle iniziali di Costa e Sereno. E come si dice, l’unione fa la forza!

 

I titolari della pasticceria, il signori Costa e Sereno, con i reporter di Varesenews, da sin. Patrick Bani e Anna Bernasconi, partecipanti al Digital Camp II